News

AIUTIAMO IL “CINEMA IN PIAZZA” del “PICCOLO AMERICA”!

Gli organizzatori della rassegna “CINEMA IN PIAZZA” riuniti sotto il nome di “PICCOLO AMERICA” chiedono aiuto.
E invocano la sensibilità delle persone, di tutte quelle persone che in questi anni si sono recati a vedere le loro proiezioni (GRATUITE) che si sono svolte tra lacune delle più belle piazze e parchi romani.

Il motivo fondamentale, a loro dire, è un attacco da parte di tutte le produzioni cinematografiche che non stanno dando le concessioni di proiettare capolavori del cinema mondiale che da anni sta cercando di far diventare questo miracolo estivo da libero e gratuito a tutti ad un mero evento a pagamento.

E puntano il dito su ANICA e ANEC soprattutto, nonché agli innumerevoli bastoni tra le ruote, a detta loro, provocatigli dalle amministrazioni capitoline.
Su 140 proposte di proiezione hanno avuto più di 120 risposte negative, seppure le offerte fatte per suddette proiezioni (perché loro PAGANO il biglietto per noi!) fossero di tutto rispetto per le leggi del mercato. Tutto questo per “concorrenza sleale” anche se i film e le opere proiettate avevano comunque terminato il loro ciclo di utilizzo nelle sale cinematografiche.

Attraverso di loro ci viene offerto un biglietto PAGATO, eppure la risposta è sempre negativa. Per assurdo la negazione parte anche dal fatto che le sovvenzioni per le proiezioni arrivano dalle risorse pubbliche. Finanziamenti pubblici che anche queste “colleghe” percepiscono, in aggiunta dei loro incassi.
Ogni anno in media “PICCOLO AMERICA” (organizzazione NO PROFIT !) riesce a mettere insieme circa 600.000 euro di cui la metà sono finanziamenti pubblici e l’altra metà sono frutto da sponsor, bar, gadget e soprattutto donazioni.

“Rivendichiamo il nostro lavoro, perché è un servizio pubblico. Proprio come sono (o dovrebbero essere) gratuiti scuole, giardini, biblioteche e musei, le nostre proiezioni in piazza sono gratis perché vogliamo contribuire allo sviluppo culturale del Paese, come indica il nono articolo della nostra Costituzione. Proiettando quei film, nel nostro piccolo, siamo convinti di dare nuovo valore di mercato a opere datate o indipendenti, le riportiamo sul grande schermo e contribuiamo a creare un’educazione cinematografica che, da ex studenti, possiamo dire che non si insegna a scuola.”

Queste solo alcune delle bellissime e ragionevoli parole dettateci da “PICCOLO AMERICA”. E ancora gridano allarme facendoci voltare lo sguardo verso altre realtà che stanno soffrendo dello stesso male: “SCENDI C’e IL CINEMA” del quartiere Giambellino di Milano, ai ragazzi del “FURGONCINEMA”, che porta proiezioni nelle aree del centro-italia colpite dal Sisma, e al Festival “LA GUARIMBA” della Calabria.

“Vogliamo difendere non solo la nostra libertà di continuare a lavorare, ma anche quella di tutte le altre realtà meno conosciute di noi. In tutta Italia cinema, festival e arene indipendenti rischiano di rimanere senza proiezioni gratuite all’aperto perché si rifiutano di cedere a questo ricatto, in un momento in cui ovunque c’è bisogno di servizi gratuiti per la cittadinanza. È a rischio la sopravvivenza delle proiezioni gratuite nei parchi, nelle spiagge e nelle piazze d’Italia.”

E’ una informazione quindi da ascoltare, diffondere e risolvere!
Al coro delle loro stesse parole: “Non spegnerete i nostri proiettori!”

PAOLO RICCI

About Paolo Ricci (37 Articles)
Paolo Ricci, nato a Pistoia nel 1972, è un attore e caratterista Italiano; la sua carriera nel mondo dello spettacolo inizia nel 1986 frequentando televisioni, teatri e set. Nel 1998 Paolo Ricci si Diploma come Attore di Prosa alla Scuola di Teatro di Bologna “Alessandra Galante Garrone” e dal 1999 si trasferisce a Roma. Esordisce agli inizi degli anni duemila interpretando ruoli da protagonista e coprotagonista, primario e comprimario nel cinema (major e indipendente), in televisione (anche come presentatore), nel teatro di prosa e per il teatro per ragazzi. Grazie all'intensa carriera cinematografica, partecipa attivamente al cinema indipendente con lungometraggi, cortometraggi e videoclip musicali; impegnandosi anche in pubblicità, documentari, doppiaggio, radio e speakeraggi. E’ attivo anche nella promozione, direzione artistico/organizzativa di eventi, compagnie teatrali, gruppi di lavoro e laboratori con le sue organizzazioni e piattaforme multimediali (Progetto TANGRAM) che offrono una vetrina di visibilità in tutti i campi dello spettacolo sia a figure emergenti come di confermata notorietà; infine l’attore si dedica anche all'insegnamento della recitazione e dell’improvvisazione. http://www.riccipaolo.it/ - https://progettotangram.wordpress.com/
Advertisment ad adsense adlogger