News

Apertura dell’VIII rassegna “Musica ai Ss. Apostoli”

[:it]

Il quartetto MelisMandolin presso la Sala dell’Immacolata

Apertura dell’VIII rassegna “Musica ai Ss. Apostoli”

Riparte uno dei più seguiti cicli di musica da camera di Roma

La consolidata Camera Musicale Romana ha quest’anno ha puntato su Napoli per il primo concerto della stagione 2017/18. Partenopei sono, infatti, i quattro musicisti – Salvatore della Vecchia, Carla Senese, Marcello Smigliante Gentile e Riccardo Del Prete – che compongono il Quartetto MelisMandolin, e indiscibilmente legato a Napoli è il mandolino, strumento protagonista del concerto. In particolare, il Quartetto MelisMandolin – nato nel non lontano 2013 ma già titolare di un curriculum di tutto rispetto (oltretutto la formazione mandolinistica napoletana aveva già calcato il palco della VI stagione di Musica ai Ss. Apostoli) – opera alacremente nella diffusione di musica originale per questo strumento oppure di adattamenti da altri strumenti, ad arco e non. Il pubblico in sala avrà notato la presenza, oltre ai consueti chitarra e mandolino, anche di mandola e mandolcello, cordofoni della famiglia dei mandolini, analoghi, nell’accordatura e nell’uso, alla viola e al violoncello. Questi strumenti, disposti in tale formazione, costituiscono di fatto una versione “mandolinistica” del più classico quartetto per archi.

Non è una novità che presso la Camera Musicale Romana si abbia propensione ed abilità nel proporre concerti non scontati ed intelligentemente costruiti su programmi che riescono spesso ad incuriosire lo spettatore per un qualche particolare che, parallelamente, trova riverbero nel titolo del concerto. Per la serata musicale di domenica 24 settembre il titolo era “Un…Pizzico di Musica”, indovinatissimo sia per l’allusione al pizzicato dei mandolini che per il riferimento al programma che con gusto ha proposto brani presi (diremmo “pizzicati”) da repertori e compositori fra loro, in alcuni casi, distanti per poetica e produzione strumentale. E così sono risuonate tanto le note del suggestivo Vocalise op. 34 n. 14 del russo Sergej Rachmaninov come quelle degli spagnoli Isaac Albéniz (Asturias) e Federico Mompou (il sesto brano dalla raccolta Cançon y Danza). Ma soprattutto Napoli, come abbiamo detto all’inizio. Il Quartetto MelisMandolin ha infatti eseguito brani di due compositori della scuola mandolinistica napoletana della seconda metà del XIX secolo e della prima del XX: l’Andante et Polonaise di Eduardo Mezzacapo (1832-1898) e tre lavori (Ouverture Genova, Serenata Malinconica, Danza Spagnola) di Raffaele Calace (1863-1934), per terminare con il Vals con variazioni ed il Preludio e Vals venezuelano n. 10363 il contemporaneo (e sempre napoletano) Antonello Paliotti (1963) e con la Tarantella della costa d’Amalfi proprio di Salvatore Della Vecchia che, oltre ad essere esecutore, è anche compositore.

“Soddisfazione per l’affluenza di pubblico” è stata espressa da Elvira Maria Iannuzzi, presidente della Camera Musicale Romana ed operosa organizzatrice dei concerti dell’associazione. “Anche quest’anno cercheremo di invitare artisti che in passato si sono esibiti da noi con successo, ma parimenti terremo d’occhio il principio della novità e della varietà”, elementi di certo utili al buon esito di pubblico e di critica di ogni rassegna artistica che si rispetti.

di Marco Parigi

[:]

About Alessandro Decadi (64 Articles)
Alessandro Decadi si laurea con il massimo dei voti in Discipline dell’Arte della Musica e dello Spettacolo all’Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Nel 2002 e nel 2003 collabora con la cattedra di Estetica musicale, presso il D.A.M.S. dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, all’organizzazione di due convegni internazionali di musicologia sotto la direzione della Prof. Claudia Colombati e della Dott. Mara Lacchè: “La musica e l’immaginario” (il 4 e 5 Ottobre a Villa Mondragone, Monte Porzio Catone); “Liszt e la Germania” (il 17 Novembre a Palazzo Savelli, Albano). Entrambi in collaborazione con l’Università di Parigi Sorbonne IV e l’Universidad Autonoma de Madrid (Madrid), vedono la partecipazione di grandi nomi del panorama musicologico internazionale. Nel 2001 ha tenuto presso la cattedra di Psicologia della Musica, retta dal Prof. Giovanni Iorio Giannoli dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, un seminario dal titolo “Musicoterapia: i suoni ed il sistema sottile nella tradizione indiana” la cui relazione è in corso di stampa. Specializzatosi con un master post laurea presso la Business School della L.U.I.S.S. Management di Roma in Management della Cultura, da allora si occupa dell’organizzazione di eventi culturali; Ha all’attivo l’organizzazione di oltre 500 concerti di musica classica. Dal 2002 al 2011è stato Tenore primo presso il coro dell’Università Degli Studi Di Roma “Tor Vergata”, diretto dal M° Stefano Cucci e sotto la direzione artistica del Prof. Agostino Ziino. Partecipa ad oltre 30 concerti e ad importanti rappresentazioni in Italia. Si ricordano in particolare le esecuzioni del Beatus Vir RV 598 e del Magnificat RV 611 di Antonio Vivaldi sotto la direzione del Direttore Kazimierz Morski (Roma e Padova) ed i Carmina Burana di Carl Orff diretti da Karl Martin (Nuovo Auditorium Parco della Musica, Roma). Svolge i suoi studi pianistici dapprima con il M° Maurizio Angelozzi e poi con il M° Antonio Saracino dal quale apprende la passione per Bach e lo stile classico. Docente di pianoforte presso diversi centri di formazione romani, partecipa a masterclass di perfezionamento in pianoforte con la prof.ssa Alessandra Torchiani e Prof. Giuseppe Squitieri. Nel 2008 perfeziona i suoi studi sotto la guida del M° Francesco Prode ottenendo il riconoscimento del Diploma di pianoforte a livello internazionale presso la prestigiosa Royal School of Music. E' pianista accompagnatore per la danza per il M. Salvatore Capozzi, primo ballerino del Teatro dell'Opera di Roma. È stato Direttore dell’Accademia Internazionale D’Arte con sede a Roma dal 2010 al 2016. Scrive e pubblica regolarmente per i giornali dello spettacolo recensioni in campo musicale e teatrale. Dal giugno 2017 è responsabile per i rapporti con le associazioni per la SIEDAS (Società Italiana degli Esperto di Diritto delle Arti e dello Spettacolo). Nel 2017 consegue la laurea magistrale in Giurisprudenza con una tesi in diritto tributario sugli “Enti non commerciali nell’ordinamento giuridico italiano”. Dal 2017 è Professore di Storia Sociale dello Spettacolo presso l’Università degli studi Guglielmo Marconi. Attualmente è iscritto presso il Conservatorio degli studi di L’Aquila al biennio specialistico in pianoforte ed al corso di laurea magistrale in Filosofia presso l’università degli studi di Tor Vergata.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*