News

Il tuttofare di Valerio Attanasio

Cosa si è disposti a fare oggi per lavorare?

Il Tuttofare di Valeio Attanasio locandina

Il tuttofare è il primo lungometraggio del giovane regista romano Valerio Attanasio . Il titolo è omonimo di un episodio del film “Tutto Totò” (1967) diretto da Bruno Corbucci. Non è l’unico omaggio al cinema italiano di quella epoca. Come racconta il regista “Il protagonista del film si chiama Antonio Bonocore, proprio come il personaggio di Totò ne “La banda degli onesti” (1956) di Camillo Mastrocinque ed il film è pieno di riferimenti cinematografici, storie che mi hanno fatto innamorare di questa meravigliosa arte “.

da sinistra: Sergio Castellitto, Elena Sofia Ricci, Valerio Attanasio, Clara Alonso, Guglielmo Poggi

Valerio Attanasio arriva alla sua opera prima attraverso una lunga gavetta di sceneggiatore (“Smetto quando voglio” (2014) di Sydney Sibilia)  e direzione  di  cortometraggi. Questo gli ha permesso di fare un debutto maturo, raccontando le vicende di Antonio  (Guglielmo Poggi ), che lavora presso lo studio dell’avvocato “principe del foro Salvatore BellaStella (Sergio Castellitto ) e della moglie TittiElena Sofia Ricci ). Il ragazzo è affascinato dal carisma di Salvatore, un personaggio davvero molto ben scritto ed interpretato da un eccentrico Castellitto, che da vita ad uno dei ruoli più belli  che abbia mai incarnato sul grande schermo.

Sergio Castellitto e Guglielmo Poggi nel film “Il tuttofare”

L’attore si è molto divertito, ha avuto la possibilità  di potersi muoversi con moltà libertà, e di confrontarsi molto con il regista prima di arrivare sul set, dando suggerimenti e cambiando scene che funzionavano di meno. Anche il lavoro fatto insieme ad Elena Sofia Ricci, ha fatto nascere molte improvvisazioni sul set, e questo può accadere solo quando due grandi professionisti si incontrano. Il film passa dalla commedia al genere action movie, dove il giovane avvocato si ritrova coinvolto suo malgrado in una faida familiare di due famiglie appartenenti alla camorra.

Per Guglielmo Poggi è il suo primo ruolo da protagonista, ed è molto grato al regista che lo ha scelto dopo numerosi provini.

Castellitto aveva già abitato i panni dell’avvocato ne “La buca” di Daniele Ciprì. L’attore cita anche Alberto Sordi nei panni dell’avvocato Giangiacomo Pignacorelli (dal film “Troppo Forte” di Carlo Verdone), soprattutto nella famosa scena del tribunale.

Il film uscirà nelle sale giovedì 19  aprile 2018 con Vision Distribution.

About Elena Tenga (18 Articles)
Esperta di critica cinematografica ed ideatrice della rassegna Cinema d'Autrice
Contact: Facebook

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*