News

Premiazione Ciak d’oro 2018

Vittoria ai ciak di Luca Guadagnino con il film Chiamami col tuo nome

Giovedì 7 giugno 2018 si è svolta la cerimonia di premiazione dei Ciak d’Oro 2018, nella splendida location del Linkus Campus University, ex residenza estiva di Papa Pio V,  che ospita per il secondo anno il prestigioso premio.

I titoli dei film che rientrano nelle candidature, sono quelli usciti dal 1 maggio 2017 al 30 aprile 2018. Dopo il rito del red carpet, con photocall e interviste video e radio, è stato aperto il buffet, anche quest’anno offerto da un catering di alto livello.

Subito si nota che la presenza alla manifestazione è stata più selettiva, rispetto alle altre edizioni, ed organizzata anche in maniera più rigorosa e professionale, merito delle bravissime ufficio stampa Viviana Gandini e Cecilia De Santis, che hanno curato ogni minimo particolare della serata.

Molte le novità di quest’anno, tra cui l’enorme gazebo, costruito all’interno del giardino, dove si sono svolte le premiazioni, e la conduzione molto irriverente di Geppi Cucciari, che si alternava a quella di Piera De Tassis, la storica fondatrice della rivista.

Tantissime le categorie premiate tra cui spiccano i tre riconoscimenti a  “Chiamami col tuo nome” di Luca Guadagnino per miglior Film, Miglior Montaggio e Miglior Manifesto. Guadagnino si è commosso, perché è stato votato direttamente dal pubblico, ed é stato un riconoscimento molto importante per lui.

Luca Guadagnino ciak d’oro 2018 miglior Film per Chiamami col tuo nome

Per “Un gatto in tangenziale” di Riccardo Milani, vengono premiati i due protagonisti, Paola Coltellesi e Antonio Albanese, al loro secondo film insieme, coinvolti in un piccolo test dalla conduttrice, giocando  sulla conoscenza l’uno dell’altro, attraverso delle domande.

“Ammore e Malavita” dei Fratelli Mainetti si aggiudicano tutti i premi legati alla colonna sonora del film e miglior attrice non protagonista Claudia Gerini, che è stata la persona a cui sono andati più ringraziamenti durante la serata.

Molto ben meritati i premi per migliore sceneggiatura al film “Nico 1988” di Susanna Nicchiarelli ed il Ciak Giovani votato dalla giuria di Alice nella Città a “Cuori puri” di Roberto De Paolis, che vince anche il premio come miglior opera prima.

Da annoverare anche il Ciak d’oro Bello&invisibile andato al film “Dove non ho mai abitato” di Paolo Franchi, che non ha avuto una distribuzione adeguata.

Dopo la cerimonia, c’è stato il rito della foto di copertina con tutti i premiati e quello di lasciare agli ospiti dei gadget, quest’anno offerti dagli sponsor Cotril, il brand Hair Beauty,  e Pool Pharma, per il benessere fisico delle persone.

 

Please follow and like us:
0
About Elena Tenga (18 Articles)
Esperta di critica cinematografica ed ideatrice della rassegna Cinema d'Autrice
Contact: Facebook

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial